Vitamina C e Coronavirus. 2

Home / blog / Vitamina C e Coronavirus. 2

Nell’articolo precedente abbiamo iniziato a parlare di Vitamina C e di in che modo interagisce con il sistema immunitario. Ma di quanta Vitamina C parliamo ?
La vitamina c può estinguere da sola i dolori dell’umanità? No.

E neanche questa pandemia. Tuttavia cercare di migliorare le condizioni generali del nostro organismo e non aumentare infiammazione interna anche con un alimentazione scellerata è necessario e richiesto.

La vitamina C sembra essere in grado di prevenire e curare le infezioni respiratorie e dell’intero corpo migliorando le funzioni delle cellule immunitarie, come dicevamo.
A scopi preventivi le assunzioni di vitamina c richieste in soggetti sani sono di circa 100-200 mg / al giorno. Questo valore cambia  a seconda del sesso, delle età e delle condizioni fisiche per esempio. Compresa una gravidanza. Inoltre in caso di infezione bisogna arrivare a dosi più elevate, poiché durante la battaglia per la difesa del nostro corpo, le cellule del sistema immunitario la consumano. bowl-of-vegetables-2280620
Devo assumere degli integratori o basta la dieta?
Raggiungere queste quantità di vitamina C al giorno, utili in caso di prevenzione contro note infezioni, attraverso uno stile alimentare attento è più che fattibile. Introdurne un quantitativo superiore, in condizione di salute o almeno “apparente tale” non è utile. Poichè la vitamina c se è usata oltre un determinato quantitativo, viene espulsa con le urine.
Considerando i prodotti di stagione facciamo un paio di esempi. Basta garantire durante la giornata almeno una di queste porzioni:

  • broccoletti di rapa appena bolliti in porzione almeno da 150g
  • cavoli crudi o appena sbollentati 200g
  • spinacino crudo o appena scottato 200g
  • cavolini di bruxelles 100g crudi o 150g appena sbollentanti
  • lattuga 100g e 30g di rughetta
  • 2 kiwi medi
  • 200g di arance o limoni anche in succo (diluito)photo-of-sliced-kiwi-lemon-and-orange-fruits-1414130

Inoltre ricordiamo che aggiungere anche un pò di peperoncino e prezzemolo aiuta a recuperare un pò di vitamina c. Direi che anche senza un particolare voto a qualche santo riusciamo a garantire almeno 2 di questi esempi porzione al giorno.

E’ possibile oggi incorrere in una carenza di vitamina c ?

E’ relativamente comune in occidente riscontrare popolazioni con carenza di vitamina C. Esistono diversi motivi per cui le raccomandazioni dietetiche sulla vitamina C non sono soddisfatte, anche nei paesi in cui ci si aspetta che la disponibilità e l’offerta di cibo siano sufficienti. Fra questi motivi includiamo le cattive abitudini alimentari, fasi della vita e / o stili di vita che limitano l’assunzione o aumentano i fabbisogni di micronutrienti, per esempio alcol, abuso di droghe, varie malattie, esposizione a sostanze inquinanti e fumo (sia attivi che passivi) e ragioni economiche ( scarso status socioeconomico e accesso limitato al cibo nutriente).
Anche in caso contrario, individui “sani” nei paesi industrializzati possono essere a rischio a causa di fattori legati allo stile di vita, come quelli che seguono una dieta squilibrata e le persone che affrontano periodi di eccessivo stress fisico o psicologico .

Inquinamento, fumo e Vitamina C.

Assistiamo a una invasione di sostanze chimiche di sintesi (pesticidi, additivi alimentari) e di inquinanti ambientali che hanno effetti tossici e che agiscono indebolendo la capacità immunitaria dell’organismo. I sistemi immunitari più efficienti superano meglio una malattia virale o batterica. Le persone anziane o immunodepresse hanno più difficoltà.

La vitamina C svolge  la sua azione protettiva sulle cellule polmonari anche contro danni causati da vari inquinanti, metalli pesanti, pesticidi.
Lo stesso fumo di tabacco è un inquinante sottovalutato in molte parti del mondo. Sia i fumatori che i fumatori passivi, come per esempio i figli di fumatori, hanno livelli più bassi di vitamina C rispetto ai non fumatori.selective-focus-photography-of-man-lighting-cigarette-3257717

Quali sono i soggetti più esposti?

Anziani, fumatori attivi e passivi, persone con diabete di tipo 2 sono categorie a rischio di carenza di vitamina C. La la dieta o l’integrazione, a volte necessaria in questi casi, vanno organizzate anche in funzione di questo rischio per agevolare una corretta funzione immunitaria e resistenza alle infezioni.

Chiudiamo questo viaggio attraverso la Vitamina C, o acido ascorbico, inaugurando una nuova sezione in cui trovare ricette che servano a mettere in pratica quanto scritto con originalità e gusto.  Chiara Romano, assistente Chef,  ha realizzato una ricetta che coniuga l’aspro zuccherino dei kiwi gialli e verdi con il sapore pieno e astringente del cioccolato.

Quindi la Vitamina C del frutto, con lo zinco del cioccolato fondente. Lo zinco uno dei micronutrienti fondamentali per l’equilibrio del sistema immunitario di cui abbiamo parlato all’inzio e su cui torneremo. Il cerchio si chiude ma non la nostra storia. Anzi è appena all’inizio.

La vitamina C è solo una delle tante sostanze coinvolte nella risposta immunitaria.

Biblio/Sitografia

  • Levine M., Dhariwal K.R., Welch R.W., Wang Y., Park J.B. Determination of optimal vitamin C requirements in humans. Am. J. Clin. Nutr. 1995;62:1347S–1356S.
  • Carr A.C., Frei B. Toward a new recommended dietary allowance for vitamin C based on antioxidant and health effects in humans. Am. J. Clin. Nutr. 1999;69:1086–1087.
  • Maggini S., Beveridge S., Sorbara J., Senatore G. Feeding the immune system: The role of micronutrients in restoring resistance to infections. CAB Rev. 2008;3:1–21. doi: 10.1079/PAVSNNR20083098.
  • Huskisson E., Maggini S., Ruf M. The role of vitamins and minerals in energy metabolism and well-being. J. Int. Med. Res. 2007;35:277–289. doi: 10.1177/147323000703500301.
  • US Centers for Disease Control and Prevention . Second National Report on Biochemical Indicators of Diet and Nutrition in the US Population 2012. National Center for Environmental Health; Atlanta, GA, USA: 2012.
  • Haryanto B., Suksmasari T., Wintergerst E., Maggini S. Multivitamin supplementation supports immune function and ameliorates conditions triggered by reduced air quality. Vitam. Miner. 2015;4:1–15.
  • Romieu I., Castro-Giner F., Kunzli N., Sunyer J. Air pollution, oxidative stress and dietary supplementation: A review. Eur. Respir. J. 2008;31:179–196. doi: 10.1183/09031936.00128106.
  • Kelly F., Dunster C., Mudway I. Air pollution and the elderly: Oxidant/antioxidant issues worth consideration. Eur. Respir. J. 2003;21:70s–75s. doi: 10.1183/09031936.03.00402903.
  • Tribble D., Giuliano L., Fortmann S. Reduced plasma ascorbic acid concentrations in nonsmokers regularly exposed to environmental tobacco smoke. Am. J. Clin. Nutr. 1993;58:886–890.
  • Valkonen M., Kuusi T. Passive smoking induces atherogenic changes in low-density lipoprotein. Circulation. 1998;97:2012–2016. doi: 10.1161/01.CIR.97.20.2012
  • Institute of Medicine Panel on Dietary Antioxidants and Related Compounds . Dietary Reference Intakes for Vitamin C, Vitamin E, Selenium, and Carotenoids. National Academies Press; Washington, DC, USA: 2000
  • Plasma Vitamin C Level, Fruit and Vegetable Consumption, and the Risk of New-Onset Type 2 Diabetes MellitusThe European Prospective Investigation of Cancer–Norfolk Prospective Study. Anne-Helen Harding, PhD; Nicholas J. Wareham, FRCP, PhD; Sheila A. Bingham, PhD; et al KayTee Khaw, FRCP; Robert Luben, BSc; Ailsa Welch, PhD; Nita G. Forouhi, FFPH, PhD. Author Affiliations Article Information. Arch Intern Med. 2008;168(14):1493-1499. doi:10.1001/archinte.168.14.1493
  • https://arpae.it/dettaglio_generale.asp?id=120&idlivello=193

 

 

Related Posts

Leave a Comment

beverage-bubble-citrus-citrus-fruit-357553food-on-white-background-256318